Nutriti bene, vivi meglio

Aumenta la motivazione alla dieta con la rubrica del lunedì "motivAzione". Se ti nutri bene, guadagni salute.


motivAzione | Mantenimento: 5 consigli per non riprendere peso

Dietista Vanessa Marrone 02/03/2015 0

E' arrivato il momento del mantenimento? Ecco i consigli per stabilizzare il peso e non riprendere i chili persi più gli interessi.

Avete seguito una dieta dimagrante e adesso state pensando di fermarvi? Se siete arrivati al vostro peso ideale, potete finalmente mettere la parola fine al dimagrimento. Ma potete seguire un mantenimento anche se, pur dovendo perdere ancora peso, non riuscite più a dimagrire.

Il mantenimento vi permetterà:
• nel primo caso di mantenere il peso ideale raggiunto;
• nel secondo caso di rimanere sul peso al quale vi siete fermati. Da lì, in qualsiasi momento lo vogliate, potrete riprendere il percorso di dimagrimento senza dover ricominciare da capo.

Per far sì che il mantenimento vada a buon fine, è necessario individuare e correggere gli errori più frequenti che si commettono nel mantenimento. Se ci siete già passati, forse vi riconoscerete in quello che ho scritto e potrete modificare il vostro comportamento in vista del prossimo tentativo. Se invece questo è il vostro primo mantenimento, mettendo in pratica questi consigli, potrete prevenire un recupero ponderale.

Il problema origina dal fatto che, dopo aver raggiunto il peso ideale, tendiamo ad abbassare la guardia: cominciamo ad abbandonare le buone, sane abitudini acquisite durante la fase di dimagrimento e a ritornare poco a poco a quelle insane di prima. Il risultato è che progressivamente recuperiamo peso fino a tornare a quello di partenza... E forse anche qualcosa in più.

Analizziamo nello specifico quali sono i passi falsi e impariamo come comportarci per riuscire a mantenere il peso.

1. Seguite una dieta di mantenimento
Un errore che si commette spesso è non affidarsi ad un professionista. Sia che abbiate raggiunto il peso ideale con il fai-da-te sia che ci siate arrivati seguiti da un professionista, finito il dimagrimento pensate di poter fare da soli. Alcuni ci riescono (e ben venga!), altri no. E così o cominciate ad aumentare le porzioni senza criterio riprendendo peso o continuate a seguire il programma di dimagrimento sottoponendovi a sacrifici inutili. 
E' normale non riuscire a capire quali siano le quantità di cibo adatte a mantenere il peso. Il Dietista è in grado di elaborare un programma che apporterà le stesse calorie di quelle che bruciate, in modo che il bilancio energetico risulti in pareggio. Approfondirò l'argomento nel prossimo articolo.

2. Organizzatevi
Se prima siete stati super-precisi e super-organizzati nella gestione della vostra dieta, ora, liberi dal pensiero di dimagrire, ricominciate a comprare piatti pronti, affettati, pizza in quantità, a non comprare frutta e verdura, a mangiare fuori casa più volte alla settimana quando non avete il tempo di cucinare. 
La stessa scrupolosità che avete messo nel dimagrimento è necessaria nel mantenimento. Pianificare i pasti in anticipo, fare una spesa adeguata (magari settimanale in modo da risparmiare tempo), comprare ortaggi e legumi surgelati, vi permetteranno di mangiar bene anche nel mantenimento e anche se avete poco tempo da dedicare ai fornelli.

3. Non aumentate progressivamente le porzioni
Il nostro corpo non brucia calorie all'infinito. Indulgere eccessivamente nel consumo di schifezze a casa o fuori casa e mangiare a tavola oltre quanto previsto dal programma di mantenimento potrebbero riservarvi sorprese spiacevoli alla prova bilancia.

4. Sgarrate il giusto
Molti di coloro che raggiungono il peso ideale hanno timore (per non dire il terrore) di tornare come prima
Nel mantenimento possiamo permetterci di sgarrare qualche volta: se anche riprendessimo un chilo, mica sarà un dramma?! E' dunque superfluo rinunciare ad un pasticcino o ad un invito fuori anche se in una settimana dovesse capitare due volte. La dieta di mantenimento è una guida, non una privazione.

5. Limitate l'aumento di peso
Durante il mantenimento si ha l'abitudine sbagliata di non tornare al controllo. 
Il controllo è lo strumento migliore per verificare i risultati ed eventualmente mettere un freno all'aumento di peso. Un aumento di uno o due chili può essere anche normale poiché il nostro corpo deve stabilizzarsi ed adeguarsi ai nuovi introiti energetici. Ma quando l'aumento supera i due chili è necessario correre ai ripari per non ritrovarci al punto di partenza. 

"Allora devo stare a dieta per tutta la vita?!". Non si tratta di una dieta, bensì di mantenere abitudini alimentari sane per tutta la vita. Può anche darsi che all'inizio lo farete con sforzo. Ma poi diventerà tutto naturale e mantenere il peso sarà semplicissimo.

Anche per voi è arrivata l'ora del mantenimento? Per scoprirlo, vi sarà utile l'articolo Come capire qual è il vostro peso ideale.

Commenti

Lascia il primo commento!

Newsletter

Archivio

© 2013 Dott.ssa Vanessa Marrone. Tutti i diritti sono riservati. Privacy policy

Back to top